Pubblicata nel 1920 da Mondadori, l’opera di Alfredo Panzini è ricca di ironia che spicca in particolare negli ipotetici dialoghi fra il protagonista e il diavolo.