“Partiamo da qui, dalla scelta di parole ‘nuove’ e di un linguaggio capace di cogliere e di interpretare il femminile: è un’operazione possibile rimettendo al centro le persone, la loro dignità, le loro irriducibili differenze”. dalla Postfazione di Elena Bonetti  Ministra per le pari opportunità e la famiglia