“Il libro più significativo di Tozzi” dove “il lirismo dello scrittore si afferma nelle forme più immediate e genuine” Natalino Sapegno