Pubblicato nel 1911, vincitore del Premio Rovetta, La grazia di Vincenzo Gerace è un romanzo di matrice autobiografica che, come scrisse Giuseppe Antonio Borgese, sembra l'opera di “uno che ha letto molte volte l’Inferno dantesco”.